Inbound marketing in 4 passi

 L’ inbound marketing è una strategia a lungo termine e necessita di un impegno costante per essere messa in atto. Ecco qua i 4 passi dell’inbound marketing, come descritti dall’autorevole guida di Hubspot.

 inbound marketing

1. Attrarre

Per poter riuscire ad attrarre l’attenzione del nostro target è indispensabile tracciarne profilo. Dobbiamo innanzitutto definire il nostro cliente ideale e successivamente andare ad analizzare quali potrebbero essere i suoi gusti, le sue abitudini di navigazione in internet per capire il problema che noi saremo pronti a risolvere.

Oltre a prestare attenzione alla forma e al contenuto delle pagine del nostro sito web, è opportuno utilizzare vari strumenti che ci aiutino ad attirare numerosi visitatori, come il blog, i social media e una selezione accurata di parole chiave efficaci per quanto riguarda i motori di ricerca.

2. Convertire

Convertire significa trasformare i visitatori in potenziali contatti; per ottenere i dati del nostro visitatore dobbiamo fornirgli dei vantaggi interessanti, ai quali non potrà rifiutare. Per fare questo potremo offrire sia dei beni materiali immediatamente disponibili, sia contenuti di valore.

Per far ciò, ci affideremo a delle Calls-to-Action, ovvero dei bottoni o link che catturano l’attenzione del visitatore e lo spingono a cliccarci sopra. Dopo aver cliccato, si troverà in una Landing Pages (pagina di arrivo) in cui dovrà compilare un form inserendo i suoi dati personali per poter ottenere il vantaggio da noi promesso, come un e-book, un report, un paper.

inbound marketing

Una volta che avremo ottenuto i dati del visitatore, questo diventa un potenziale contatto quindi è fondamentale selezionare con cura quali informazioni vogliamo ricevere dal nostro visitatore.

 3. Chiudere

Il passo più difficile è convertire il nostro contatto potenziale in cliente finale. Come facciamo per convincerlo ad acquistare i prodotti del nostro sito web?

Innanzi tutto è necessario capire quanti e quali dei contatti ottenuti potrebbero essere realmente interessati ai nostri servizi e per fare questo è possibile attivare un sistema di valutazione basato su una scala di punteggi. Dopodiché, potremo usufruire dei dati forniti nella fase precedente, in modo da convincere all’acquisto:il metodo più diffuso è l’invio di e-mail a scopo promozionale.

 Grazie ai software informatici di oggi è possibile verificare il successo della nostra iniziativa, per vedere se i potenziali contatti attratti mediante i Calls-to-Actions si sono convertiti in clienti effettivi.

4.  Deliziare

Come ultima fase della nostra strategia non dobbiamo dimenticarci della fidelizzazione dei clienti: il nostro scopo deve essere quello di creare un rapporto solido e duraturo con i nostri clienti.

Possiamo continuare a comunicare tramite strumenti di marketing come le Smart Calls-to-Action, cioè delle offerte personalizzate che cambiano in base alla fase di marketing coinvolta. Oppure attraverso i Social Media con l’opportunità di offrire servizi e supporto in tempo reale. Infine, potremmo continuare ad utilizzare il sistema di automazione marketing per informare i clienti di aggiornamenti e novità riguardanti il nostro sito.

 Avere dei clienti soddisfatti e fedeli che possano raccontare la propria esperienza sul nostro sito web a parenti, amici, e perché no, anche sul web, è il primo strumento di marketing che conduce al successo.

Claudia Bandini

Annunci

Un pensiero su “Inbound marketing in 4 passi

Leave a comment

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...